gallery racconti poesie Link home mail

Al mio Principe I

Le Onde di oro pallido
sulle tue spalle;
e poi un lieve sussulto,
le tue guance tinte di pudica porpora
quando le mie mani scostano la stoffa
scoprendoti alla mia sorpresa.
Quale devoto si inginocchierebbe a pregare
con coscienza limpida
davanti a te mio idolo.
Egli si aggrapperebbe alle tue vesti
e ti trascinerebbe sul pavimento
baciandoti fino a consumarti, come certe reliquie.
Parole di fuoco
ebbre della tua carne bianca
troverebbe come lode
e occhi, come i miei,
che tutto predano di te
lasciandoti inerme tra le mie braccia.

Lussuria pomeridiana

Lussuria pomeridiana il sonno pesante del primo pomeriggio,
quando dalle persiane accostate
il sole una striscia di luce.
Fuori, asfalto molle come cera
e il davanzale caldo che ignora la penombra della stanza.
Lussuria pomeridiana il mio corpo nudo,
abbandonato,
vinto,
nascosto tra le pieghe del letto,
sono i tappeti di lana che esalano odore di polvere.

Lussuria nei miei pensieri pomeridiani,
che scivolano su di un amante abbozzato
nel profilo della sua impronta sul cuscino.

a C.

A te che vivi nella luce,
perch un raggio di sole ti ha sollevato in in alto dando un senso ai tuoi giorni,
sappi che prima ha cercato me per amarti di pi
e mi ha lasciato in dono vaghe parole
e una caparbia speranza